Formatura interna ad alta pressione

Liquidi HFA
per la FIAP (Formatura Interna ad Alta Pressione)
per l’idraulica ad acqua
per le presse isostatiche
lubrificazione esterna nella FIAP.

Liquidi HFA nell’uso generale.
Esperienze e proposte nell’uso di sostanze lubrificanti per la lubrificazione interna ed esterna
nella FIAP.

In seguito ai valori sperimentati con liquidi HFA in àmbito dell’idraulica ad acqua, in particolare nell’uso di presse isostatiche, è noto che a causa della forte pressione, che a volte si aggira sui 2000 bar, addirittura dai 6000 fino agli 8000 bar, le cosiddette emulsioni grossolane di oli minerali sono inadatte e utilizzabili solo con impiego di costi elevati, dato che già con pochi cicli (sollevamenti/alzate) mostrano fenomeni di separazione. Questi valori sono già conosciuti da tutti i produttori di impianti FIAP.

In molti casi i produttori di impianti per FIAP non si sono adeguati alle esperienze di mercato. Con pressioni tra 2000 e 6000 bar si addicono meglio gli additivi sintetici per soluzioni e non per emulsioni. Ciò che risulta dai liquidi HFA sono quindi resistenti all’invecchiamento e possono venir arricchiti con additivi per alta pressione anche a seconda delle esigenze di lubrificazione.

Esistono già di base esperienze pluriennali nell’idraulica ad acqua, soprattutto nell’impiego di liquidi HFA per le presse isostatiche ad alta pressione.

Questo come premessa alla formatura interna ad alta pressione con uso nell’ambito dell’alta pressione interna.

La lubrificazione esterna, se necessaria, può essere adeguata ai liquidi HFA completamente sintetici facendo due scelte:

1)

Il concentrato di questi liquidi HFA completamente sintetici (Pressol® Spezial MF326-3) si impiega allo stato puro per la lubrificazione esterna e si collega successivamente al liquido da circolazione HFA. I valori lubrificanti ad alto rendimento generalmente sono sufficienti.

Se questa esigenza non fosse richiesta, c’è una seconda possibilità:

2)

I prodotti a base di oli per trafilatura ad alto rendimento con effetto demulsificante possono essere utili per la lubrificazione esterna, dato che con l’effetto demulsificante possono essere facilmente estratti dal liquido HFA, se sintetico, tramite disoleatore o altro distaccante.

In questo modo il liquido HFA per la formatura interna ad alta pressione non viene caricato e così la soluzione si mantiene più a lungo.

Un lubrificante esterno è Putrol® NW V 1442.

Esperienze pluriennali dimostrano che con le combinazioni sopra citate si possono rendere sicuri quei sistemi di produzione che prima davano risultati problematici.

Ci sono anche altre possibilità di lubrificazione esterna che garantiscono in parallelo la massima sicurezza di produzione. Queste sono:

  • Lucidi
  • Vernici antifrizione, eventualmente con MOS2  
  • Materiali contenenti MOS2 come grassi, nebulizzatori, ecc.

In ultimo facciamo presente che talvolta è possibile trattare superficialmente gli utensili e raggiungere così i risultati necessari, visto che non sempre è accettabile l’intrusione di molecole di MOS2 negli stampi.

MKU Chemie Gruppe